Home Gite fuoriporta Lago di Lecco: cosa vedere e cosa fare sull’altra sponda del Lago di Como

Lago di Lecco: cosa vedere e cosa fare sull’altra sponda del Lago di Como

by Chiara Stinson

Borghi, paesaggi, camminate e molto altro: per una giornata o per un weekend, il Lago di Lecco offre esperienze per tutti. Scopri cosa fare e cosa vedere al Lago di Lecco.

“Quel ramo del Lago di Como che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti”, così iniziano I Promessi Sposi. Il ramo di Lecco e, più in generale, tutta la sponda orientale del Lago di Como è da sempre meno conosciuta della cugina a occidente, ma non per questo non altrettanto ricca di luoghi da scoprire. Borghi, paesaggi, trekking e itinerari manzoniani: il Lago di Lecco offre esperienze inaspettate a portata di mano. Io l’ho visitato in più occasioni e in questo articolo ti svelo cosa vedere al Lago di Lecco, dove mangiare e tutto quello che non puoi perdere.

 

Lago di Lecco: cosa vedere e cosa fare

La città di Lecco

Si parte da Lecco, comodamente raggiungibile in treno da Milano. Punto di riferimento culturale per visitare il territorio circostante, Lecco è una tranquilla città affacciata sul lago, non ancora toccata dal turismo di massa. Deve la sua celebrità a I Promessi Sposi: ecco perché non si può dimenticare di visitare Villa Manzoni, dove Alessandro Manzoni trascorse la sua giovinezza. Oggi è sede del Museo Manzoniano.

MUSEO MANZONIANO

Orari: da martedì a venerdì 9.30 – 18.00; sabato e domenica: 10:00 – 18:00; lunedì chiuso

Prezzo: intero 6 €, ridotto 4 €; gratuito fino al 30 Agosto 2020

Biglietto: clicca qui

Museo Manzoniano

 

L’itinerario letterario continua a piedi a Pescarenico, il borgo di pescatori dove Alessandro Manzoni colloca il convento di Fra Cristoforo. Tra gli altri luoghi sulle orme del celebre romanzo, il Palazzo di Don Rodrigo e la casa di Lucia sono visibili solo dall’esterno. Infine, proprio nel centro di Lecco vi è la statua di Manzoni. Una passeggiata nel centro della città è imprescindibile per ripercorrere le vicende storiche che hanno attraversato Lecco: dalla Torre Viscontea, testimonianza medievale, ai palazzi dalle architetture ottocentesche di piazza XX Settembre tra cui il Palazzo delle Paure, così chiamato perché i lecchesi vi si recavano a pagare le tasse. Non da ultimo, il lungolago di Lecco fino al ponte Azzone Visconti offre bellissimi scorci al tramonto.

DOVE MANGIARE

  • Soqquadro Lecco. Pizza e tapas in un locale frequentato da una clientela giovanile.
  • Il Torchio Ristorante e Pizzeria. Bel ristorante di pesce, in questo locale seminascosto tra le viette del centro di Lecco. Prezzi medio alti.
Lungolago di Lecco

 

I borghi

Se ti piacciono i piccoli borghi, sul Lago di Lecco troverai pane per i tuoi denti. Partendo da Lecco, la prima tappa è Mandello del Lario, località nota per la Moto Guzzi, alla quale è dedicata un suggestivo museo con pezzi unici al mondo: gli appassionati di motociclette e motori non potranno che uscirne soddisfatti. Camminando fra casette color pastello, su per strette viuzze, si sale fino alla Chiesa di San Giorgio, decorata da splendidi affreschi e affacciata su un panorama che non è niente male. Il Lido di Mandello del Lario, spiaggia oltre che bella anche comoda per chi proviene da Milano, è adatto alle famiglie per gli ampi spazi e per la possibilità di usufruire di sdraio e lettini, benché affollato nei weekend e di certo non esclusivo.

Mandello del Lario | © Lakecomotourism.it

 

Sulla sponda orientale del lago, i battelli della tratta Lecco-Bellagio (qui gli orari) toccano i borghi di Abbadia Lariana, Onno e Lierna. Ritaglia del tempo per quest’ultima, un grazioso paesino dove su un promontorio si erge il Castello di Lierna, antica dimora medievale eretta a scopo difensivo e oggi visitabile. Accanto, Riva Bianca è la spiaggia più bella di Lierna.

Vero gioiello del Lago di Lecco è senza dubbio Varenna. Oltre al Castello di Vezio e Villa Monastero, di cui parlo nel prossimo paragrafo, scendendo gli scalini e addentrandoci a poco a poco nei vicoli ci troviamo in un paesino incantevole vestito dei colori brillanti delle sue casette e dal profumo delle fioriere. Puoi arrivarci in auto oppure in battello, anche dalla sponda di Como. Varenna è il più romantico tra i borghi del Lago di Lecco. Dopo aver percorso la passeggiata lungolago, non a caso chiamata Passeggiata degli Innamorati, perché non approfittarne e prendere un aperitivo al tramonto in uno dei bar affacciati sulla riva. Se la giornata è limpida, lo sguardo arriva fino a Bellagio.

Varenna
Passeggiata degli Innamorati a Varenna

 

DOVE MANGIARE

  • Varenna Monamour, Varenna. In questo ristorante familiare si mangia bene sia la carne sia il pesce. I tavolini all’aperto nel vicolo stretto gli danno quel tocco in più di romanticismo. Anche all’interno l’atmosfera è curata. Prezzi onesti.
  • Mamma Ciccia, Mandello del Lario. All’interno di un’intima corte che nella bella stagione apposita accoglie uno splendido glicine, Mamma Ciccia propone i piatti del territorio rivisitati dal tocco creativo dello chef stellato Stefano Binda. Si può prendere anche l’aperitivo.
  • Crotto di Pino, Varenna. Vieni qui se non dai peso al servizio, ma ti interessa la vista lago. Il ristorante è decisamente alla mano, si mangia carne e pesce in tavolini con tovaglie a quadri.
  • Locanda Capolago, Colico. D’estate si mangia nel cortile esterno, all’ombra di grandi platani e con sottofondo musicale, di sera. L’atmosfera superba e i piatti prelibati fanno di questo ristorante un vero gioiello.
Locanda Capolago | © FB Locanda Capolago
Locanda Capolago | © FB Locanda Capolago

 

Le ville e i castelli

Dimore come Villa Monastero a Varenna non possono essere dimenticate nella lista delle cose da vedere sul Lago di Lecco. Riecheggia ancora la voce del Premio Nobel Enrico Fermi che qui nel 1954 tenne una celebre lezione. I magnifici giardini di Villa Monastero si estendono per 2 km lungo il fronte lago che da Varenna porta a Fiumelatte. Il parco botanico ospita specie arboree esotiche in un’esplosione di fiori, natura e colori. L’interno di Villa Monastero, composto di 14 sale ricche di opere d’arte, è anch’esso visitabile.

VILLA MONASTERO

Orari: tutti i giorni 10.00 – 19.30; sabato e domenica

Prezzo: solo giardini: intero 8 €, ridotto 5 €; giardini e casa museo: intero 10 €, ridotto 7 €;

Villa Monastero | © FB Villa Monastero
Villa Monastero | © FB Villa Monastero

 

Sempre a Varenna, ma questa volta su un promontorio e sulla rotta del Sentiero del Viandante, si trova il Castello di Vezio. Di questo luogo millenario, avamposto difensivo d’epoca medievale, non rimane che una torre che sovrasta il borgo di Varenna. E’ in questo contesto di ineguagliabile bellezza naturale che la storia diventa tutt’uno con l’arte e la cultura del territorio. Cosa fare? Puoi visitare i giardini, i sotterranei, la cinta muraria e salire sulla torre dalla quale si gode un meraviglioso panorama a 360 gradi del Lago di Lecco.

CASTELLO DI VEZIO

Orari: da marzo a ottobre apertura 10.00 e chiusura dalle 17.00 alle 20.00. Consulta gli orari sul sito ufficiale.

Prezzo: intero 4 €, ridotto 3 €

Castello di Vezio | © Sito ufficiale
Castello di Vezio | © Sito ufficiale

 

Altro avamposto consigliato agli amanti di ville e castelli è la Rocca dell’Innominato a Vercurago, da collocare anche nell’itinerario manzoniano. Qui, secondo la tradizione, Alessandro Manzoni ambientò per l’appunto il castello d’Innominato. Metti scarpe comode per raggiungere la Rocca dell’Innominato seguendo il breve sentiero panoramico per 30 minuti. Meta perfetta anche per una piacevole passeggiata pomeridiana.

Castello dell’Innominato | © Lakecomotourism.it

 

Sport e natura

Se il tuo tempo libero lo dedichi al contatto con la natura, la sponda orientale del Lago di Lecco, per te, è tutta da scoprire. Zaino in spalla e si parte! Per i più inesperti, il Sentiero del Viandante è il percorso escursionistico facile che inizia da Abbadia Lariana fino a Piantedo, in un saliscendi tra mulattiere e panorami incredibili. 40 km suddivisi in 4 tappe (Abbadia Lariana-Lierna, Lierna-Vezio, Vezio-Dervio, Dervio-Piantedo), che puoi percorrere una tappa alla volta tornando alla base con l’autobus. Benché pianeggiante, sono consigliate scarpe adatte a camminare.

Lungo il Sentiero del Viandante | © Emilio Buzzella

 

Per chi volesse impegnarsi in vere e proprie salite, non bisogna far altro che guardarsi intorno: primo fra tutti, il monte Resegone è la montagna di Lecco per eccellenza e puoi salire in cima fino al Rifugio Azzoni. Rimarrai sbalordito nel sapere che già a piedi da Lecco puoi imboccare sentieri di diversa difficoltà superando il ponte Visconti Azzone e addentrandoti nel Parco Naturale del Monte Barro: puoi arrivare a Pian Sciresa, bellissimo punto panoramico perfetto per un pic nic oppure salire in vetta. In questo articolo trovi invece altre idee per camminate semplici o impegnative, tutte raggiungibili in treno da Milano, come le Cascate del Cenghen da Abbadia Lariana.

Rifugio Azzoni | © Matthew Ghera
Vista da Pian Sciresa dal Monte Barro

 

Anche la Valsassina, incastonata tra le Grigne, offre passeggiate di diverso livello. Tra le tante, ti propongo di raggiungere il rifugio Rosalba da Piani di Resinelli (3 h). Cerchi un’alternativa più facile? Ci sono tanti itinerari adatti a tutti, bambini compresi, ad esempio Pian delle Betulle raggiungibile con una funivia da Margno. Qui trovi tutti i sentieri della Valsassina.

Pian delle Betulle | © Lavalsassina.com

 

Tante le altre possibilità di fare sport, come volare nei cieli sopra il Lago di Lecco guidato da un istruttore esperto, fare una biciclettata vista lago o ancora fare wake board. Per tutte queste attività, contatta Silvia Valsecchi, accompagnatrice turistica e personal trainer del Lago di Lecco.

 

Lago di Lecco: dove dormire

  • Maso Zambo, Cassina Valsassina. E’ uno splendido relais immerso nel verde, con SPA, ristorante e camere panoramiche. Un nascondiglio segreto in cui ricongiungersi con la natura e rigenerarsi.
  • Locanda Capolago, Colico. Questo bell’hotel arredato con gusto ed eleganza si trova a pochi passi dalla spiaggia di Colico.

 

Vacanze e weekend in Italia? Dai un occhio alla sezione dedicata!
Qui trovi altre idee per itinerari enogastronomici e viaggi on the road. Nella categoria dedicata alle gite fuori porta, ci sono tante proposte per una bellissima giornata a pochi chilometri da casa!

Ti potrebbe interessare

Leave a Comment